Stocastica e… legami intradisciplinari

Stocastica e… legami intradisciplinari

 
2010
 
2841
 
0
  • Argomenti: Dati e previsioni, Matematica
  • Progetto: M@t.abel
  • Grado scolastico: Primo biennio, Secondaria di II grado
  • Tipologia: Percorso didattico
  • Condizioni d'uso: Copyright © Indire
Puoi fruire la risorsa nel formato:

Stocastica e… legami intradisciplinari

Tematica affrontata: dati e previsioni.

Descrizione: la statistica offre all’insegnante una pluralità di contesti nei quali è possibile recuperare attività interessanti e stimolanti da presentare in classe; queste attività permetteranno di aiutare gli studenti ad acquisire conoscenze e abilità e di sviluppare competenze che serviranno quando, adulti, dovranno confrontarsi e rispondere a domande sulla realtà in cui vivono. L’unità mira a far ricordare ai docenti che il pensiero probabilistico e statistico merita sempre più attenzione sia perché esso domina in molti campi (fisico, biologico, economico, demografico, ecc.) sia perché è un ambito ricco di stimolanti problematiche, la risoluzione delle quali conduce a quell’insegnamento orientato all’attività euristica e “per problemi” che si è dimostrato essere il metodo più adatto a favorire l’interesse e l’apprendimento degli studenti. Questa attività fa ricorso ad alcune situazioni in cui i legami tra l’analisi statistica di dati e/o il calcolo delle probabilità e le attività degli altri nuclei tematici sono correlate, così da poter offrire ai docenti altri esempi per introdurre, completare o integrare il percorso didattico nel biennio. L’attività presenta: un collegamento tra i dati rilevati sperimentalmente della misura di una grandezza fisica e la loro analisi statistica per poter evidenziare gli errori casuali; una introduzione alle variabili casuali, alla loro distribuzione di probabilità e al loro utilizzo in alcuni contesti semplici; un collegamento tra la geometria e alcune medie algebriche per capirne il significato formale.

Obiettivi dell’attività:
– reperire informazioni quantitative utili alla risoluzione di un problema che le richiede;
– costruire alcune variabili casuali discrete in contesti diversi analizzandone le caratteristiche;
– riconoscere e utilizzare indici statistici anche in ambito geometrico;
– utilizzare strumenti statistici per la “stima” della misura di una grandezza fisica e la sua variabilità;
– utilizzare strategie diverse per valutare la probabilità di diversi tipi di eventi.

Tempo medio per svolgere l’attività in classe: 8-10 ore.

2842 1 Views Today