Le trasformazioni chimiche

Le trasformazioni chimiche

 
2009
 
3040
 
0
  • Argomenti: Scienze
  • Progetto: Educazione scientifica
  • Grado scolastico: Secondaria di I grado
  • Tipologia: Percorso didattico
  • Condizioni d'uso: Copyright © Indire
Puoi fruire la risorsa nel formato:

Le trasformazioni chimiche

Le trasformazioni chimiche, chiamate anche “reazioni chimiche”, portano alla sintesi di sostanze formate da nuove combinazioni degli elementi che erano già presenti nei reagenti. L’idrogeno H2 e l’ossigeno O2, che sono elementi, possono reagire per formare come prodotto l’acqua H2O, un composto chimico diverso dagli elementi di partenza. 
Se poniamo su una fiamma una striscia metallica di magnesio, questa si incendia e produce una luce bianca molto intensa.

Obiettivi:
• Confrontare le trasformazioni fisiche con le trasformazioni chimiche.
• Descrivere la Tavola Periodica e distinguere i metalli dai non metalli.
• Rappresentare i materiali e le sostanze e distinguere un elemento, da un composto e da un miscuglio.
• Riconoscere le principali reazioni chimiche.
• Spiegare le proprietà osservabili della materia sulla base della sua struttura microscopica.
• Classificare i composti in base alla loro natura: ionica o molecolare.

Competenze:
• Bilanciare le principali reazioni di combustione.
• Identificare le reazioni acido – base più semplici e bilanciarle.
• Estrarre dai vegetali gli indicatori acido – base e usarli per stabilire se le soluzioni sono acide, basiche o neutre.
• Distinguere le soluzioni in base alla loro conducibilità elettrica.
• Descrivere a parole le più semplici reazioni chimiche identificando reagenti e prodotti.
• Usare il modello cinetico molecolare per rappresentare le reazioni chimiche a livello microscopico.
• Identificare gli elementi della Tavola Periodica in base alla loro densità e ai loro punti di fusione e di ebollizione.

Tempo medio per svolgere il percorso in classe: il tempo da dedicare a ciascuna investigazione (seguita dalla discussione e dalla costruzione della comprensione-competenza) è di circa un’ora. Siccome le attività proposte sono quindici, sarà la scelta operata dal docente a stabilire la durata effettiva dell’attività in classe, che non dovrebbe superare le 12-15 ore complessive. 

Prove di valutazione correlate:
Vita da rifiuti 1
(di E. Caroti)
Vita da rifiuti 2 (di E. Caroti)

3041 1 Views Today