Chi ha paura del lupo?

Chi ha paura del lupo?

 
2015
 
7639
 
0
  • Argomenti: Didattica con la LIM, Documentazione didattica multimediale, Ebook, I discorsi e le parole, Il corpo e il movimento, Scrittura digitale
  • Progetto: DIDATEC
  • Grado scolastico: Scuola dell'infanzia
  • Tipologia: Percorso didattico
  • Condizioni d'uso: Copyright © Indire
Puoi fruire la risorsa nel formato:

Chi ha paura del lupo?

Descrizione

“Nella sequenza raffigurante il porcellino nella casa di paglia, ho sostituito la figura del lupo con quella della strega. Ecco alcuni commenti dei bambini. “Cosa ci fa la strega?”; “E’ spuntata da fuori, all’improvviso; questa lavagna ci fa gli scherzetti”; “Forse il lupo si è trasformato in una strega”; “Per avvelenare il porcellino”; “Perché il lupo è furbo e la strega è furba”; “C’è la strega perché è la stessa cosa del lupo. È cattiva come lui”.

Maria Cristina Peddis, insegnante della scuola dell’infanzia, racconta l’esperienza di un  percorso didattico incentrato sull’analisi di due fiabe tradizionali, “Cappuccetto Rosso” e “I tre porcellini”. In questo percorso, la LIM e le tecnologie digitali sono state utilizzate per supportare l’analisi e per coinvolgere i bambini nella rielaborazione delle fiabe attraverso la costruzione di ebook. Il percorso ha previsto attività di apprendimento collaborativo con i bambini della scuola primaria.

Grado scolastico: Scuola dell’infanzia – 4 anni

Campi di esperienza 

I discorsi e le parole

Potenziare la capacità di ascolto e comprensione del testo, sviluppare la fiducia nelle proprie capacità di espressione e comunicazione,  promuovere l’incontro con il codice scritto e il piacere della lettura,  dviluppare la capacità di cogliere la struttura della fiaba per creare nuove fiabe, sviluppare le capacità mnemoniche per riprodurre la sceneggiatura del testo

Il sé e l’altro
Promuovere lo sviluppo affettivo ed emotivo, la conquista dell’autonomia e la
capacità di riconoscere ed esprimere emozioni e sentimenti, Sviluppare la fiducia nelle proprie capacità, la disponibilità alla collaborazione, lo spirito d’amicizia, Sviluppare la motivazione “al fare costruttivo”.

La conoscenza del mondo

Sviluppare la capacità di progettare e inventare; Acquisire la capacità di chiedere spiegazioni, riflettere, ipotizzare, discutere soluzioni.

Il corpo e il movimento: Sviluppare le capacità senso-percettive, Rafforzare la coordinazione dinamica globale e la coordinazione oculo manuale, Promuovere la presa di coscienza che il corpo può esercitare attività funzionali, relazionali, cognitive e comunicative.

Durata: 3 mesi

7640 1 Views Today